fbpx

MiC. Le nuove modalità di ammissione ai contributi alle Istituzioni culturali

da | 9 Dic 2022 | Arte e Cultura, Bandi e finanziamenti


Pubblicata sul sito del MiC la circolare Dg-Eric n. 50/2022 con le nuove modalità per l’ammissione ai contributi annuali alle Istituzioni culturali.
il Ministero della Cultura, Direzione generale Educazione, Ricerca e Istituti culturali, Destinatari contributi
Possono presentare la domanda le Istituzioni culturali in possesso dei requisiti indicati all’art. 8 della Legge n. 534/1996, in particolare:
• svolgano la loro attività da almeno un triennio;
• prestino rilevanti servizi in campo culturale;
• promuovano e svolgano attività di ricerca, di organizzazione culturale e di produzione editoriale a carattere scientifico;
• svolgano la propria attività sulla base di un Programma almeno triennale e dispongano di attrezzature idonee per la sua realizzazione.
• Sono esclusi dal contributo gli istituti inseriti nella “Tabella triennale” ex art. 1 della Legge n. 534 del 1996.

Modalità di presentazione della domanda

La domanda di ammissione deve essere presentata esclusivamente sulla piattaforma telematica dal 1° al 31 gennaio di ciascun anno. L’Istanza di contributo deve essere inoltrata esclusivamente utilizzando la piattaforma telematica gestita dal Ministero della Cultura, Direzione generale Educazione, ricerca e istituti culturali – Servizio II, accessibile al link: https://istitutidgeric.beniculturali.it. La registrazione al Portale, per l’inserimento delle nuove domande, è consentita esclusivamente mediante Spid o Cie. Per facilitare l’inserimento della domanda, tutte le autocertificazioni necessarie al completamento dell’istanza saranno disponibili sulla piattaforma. E’ stata introdotta nella Piattaforma una nuova griglia per la rendicontazione delle spese, per gli Enti ammessi a finanziamento. Il ritardo della presentazione della rendicontazione costituirà condizione di valutazione negativa per l’ammissione all’eventuale concessione del contributo per l’anno successivo.
La commissione di valutazione è composta da: un Esperto del Settore bibliotecario; un Esperto del Settore archivistico; un esperto del Settore
della Ricerca scientifica; un Esperto nella valorizzazione del Patrimonio culturale;


Criteri di assegnazione del contributo

La Commissione effettua la valutazione comparativa fra tutte le proposte progettuali ammesse e, sulla base dei fondi disponibili, propone l’attribuzione del contributo tenendo conto dei seguenti criteri:
1 attrezzature e adeguatezza della sede agli scopi istituzionali; struttura organizzativa; servizi al pubblico (Servizi bibliotecari, Servizi archivistici, servizi museali); altro Patrimonio culturale posseduto; Sistemi di digitalizzazione e consultabilità anche da remoto.
2 Ampiezza e tipologia delle attività culturali realizzate nell’ultimo triennio in relazione a ciascun anno di attività: Progetti di ricerca realizzati o in corso; collaborazione con Università o Enti di ricerca; seminari organizzati; pubblicazioni; attività di diffusione culturale svolte; divulgazione scientifica; utilizzo dei nuovi canali di comunicazione; iniziative di coinvolgimento dei cittadini nelle attività svolte dall’Istituto; attività di coinvolgimento e interazione con il mondo della Scuola.
Per ciascuna delle annualità deve essere fornita adeguata documentazione.

Clicca sul banner per leggere Territori della Cultura