Firmata la convenzione MiC-ABI. 1,4 mld per gli investimenti delle imprese turistiche

da | 5 Set 2022 | Bandi e finanziamenti, Turismo


E’ stata firmata dal ministro del turismo Massimo Garavaglia, dall’amministratore delegato di Cassa Depositi e Prestiti (Cdp) Dario Scannapieco e dal direttore generale dell’Associazione Bancaria Italiana (Abi) Giovanni Sabatini, la Convenzione che disciplina la concessione dei finanziamenti agevolati a valere sul ‘Fondo rotativo per il sostegno alle imprese e agli investimenti in ricerca’ (Fri), in linea con le finalità del Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza (Pnrr). Obiettivo dell’accordo: riqualificare e valorizzare le imprese turistiche finanziando i programmi di investimento in transizione energetica, sostenibilità ambientale e innovazione digitale per rendere il settore più attrattivo e competitivo sia in Italia sia all’estero. Il totale delle risorse potrà arrivare a un valore complessivo di 1,4 miliardi. Si tratta infatti di 780 milioni di finanziamenti agevolati e 620 milioni di prestiti del settore bancario. Gli incentivi potranno essere riconosciuti alle imprese alberghiere, alle strutture ricettive all’aria aperta e che svolgono attività agrituristica, alle imprese del comparto ricreativo, fieristico e congressuale, compresi gli stabilimenti balneari, i complessi termali, i porti turistici e i parchi tematici. Il supporto è riservato a investimenti compresi tra un minimo di 500.000 euro a un massimo di 10 milioni, finanziati attingendo al Fondo rotativo imprese con l’obiettivo di sostenere entro il 2025 almeno 300 imprese. Il contributo a fondo perduto copre fino al 35% delle spese e dei costi; la quota di investimenti non assistita potrà contare sul finanziamento agevolato a tasso fisso (0,50% con durata minima di 4 anni), al quale è associato un finanziamento bancario a tasso di mercato di pari importo e durata (fino a 15 anni). Con la firma della Convenzione e il successivo coinvolgimento operativo del settore bancario, sarà possibile dare avvio all’iter di presentazione delle domande di accesso alla misura da parte delle imprese, a partire dalla data che sarà definita con successivo provvedimento del Ministero del Turismo.