fbpx

Notte europea delle ricercatrici e dei ricercatori

da | 26 Set 2023 | Arte e Cultura, Istituzioni

L’evento la Notte europea delle ricercatrici e dei ricercatori si sviluppa a Roma con una serie di interventi tra cui spiccano il collegamento con Luca Parmitano, in diretta dalla base spaziale NASA di Houston, e l’incontro con Hélène Langevin – Joliot, nipote di Maria Sklodowska e Pierre Curie, che incarna l’impegno della scienza europea al servizio della società.
La giornata mira a sottolineare l’importanza della ricerca europea nello spazio, in particolare per le sue applicazioni pratiche nella lotta al cambiamento climatico e nella prevenzione e mitigazione degli eventi climatici estremi e per l’esplorazione del sistema solare.
Oltre alla vicepresidente Pina Picerno , per il Parlamento europeo interverrà l’eurodeputata dalla commissione per l’industria, la ricerca e l’energia,Francesca Peppucci mentre la parte scientifica sarà illustrata da Guido Levrini, responsabile ESA del programma IRIDE, Marco Pallavicini, vice presidente dell’INFN (Istituto Nazionale Fisica Nucleare), i planetologi Yves Langevin, dell’Istituto d’Astrofisica Spaziale, IAS Orsay – Paris, e  Giuseppe Piccioni dell’INAF (Istituto Nazionale d’Astrofisica), co-responsabile scientifico dello spettrografo all’infrarosso MAJIS.
Background
La Notte europea delle ricercatrici e dei ricercatori, iniziativa promossa dalla Commissione europea dal 2005, coinvolge ogni anno migliaia di ricercatori e istituzioni di tutti gli Stati membri. L’obiettivo della Notte è creare occasioni di incontro tra ricerca e società per diffondere l’educazione e la cultura scientifica, insieme alla conoscenza delle professioni della ricerca, in un contesto informale e stimolante che possa far nascere nuove vocazioni. All’evento di Roma parteciperanno gli studenti dell’ISISS Pacifici De Magistris di Sezze e del Liceo Keplero di Roma.

Info: Giovedì 28 settembre 2023, ore 11:00 – 12:30 e 19:00 – 20:30

Esperienza Europa – David Sassoli, Piazza Venezia 6C – Roma

Clicca sul banner per leggere Territori della Cultura