fbpx

Roma. Nasce la fondazione pubblico-privata ‘Roma & Partners’ per promuovere il turismo di qualità

da | 16 Lug 2023 | Promozione e valorizzazione, Turismo

Una fondazione mista pubblico-privata per promuovere il turismo di qualità e rafforzare il brand della Città eterna, che potrà contare anche su un assistente virtuale già ribattezzato dal sindaco Roberto Gualtieri come “il ChatGPT di Roma”. Si chiamerà ‘Roma & Partners’, e sarà l’agenzia per l’attrazione della Capitale, un vero e proprio Dmo, Destination management organization, che avrà l’obiettivo di governare i flussi turistici, di migliorarne la qualità e l’impatto positivo sul territorio e di investire sul rafforzamento del ‘marchio Roma’ in maniera creativa e intelligente, come già avviene a Londra. L’obiettivo è quello di entrare a regime per il 2024, in tempo per la partenza del Giubileo. La fondazione, promossa da Roma Capitale insieme alla Camera di Commercio e ad Aeroporti di Roma Spa con una dotazione iniziale di 450mila euro, 150mila per socio, è stata presentata la scorsa settimana in Campidoglio dal sindaco di Roma, Roberto Gualtieri, insieme all’assessore a Grandi eventi, turismo e Moda, Alessandro Onorato, al presidente della Cciaa capitolina, Lorenzo Tagliavanti, all’amministratore delegato di Adr, Marco Troncone e al futuro ad della fondazione, Antonio Previti.

Cosa farà ‘Roma & Partners’
Roma & Partners, spiegano dal Campidoglio, vuole essere un’agenzia di nuova concezione per la promozione dell’attrazione internazionale a partire dal turismo. Opererà attraverso una struttura leggera che non produce servizi ma compone strategie e iniziative. Una realtà mista in grado di coinvolgere e coordinare soggetti pubblici e privati in una strategia innovativa di promozione della città, con l’obiettivo di intercettare, diversificare e orientare i flussi verso un turismo di qualità, garantendo una migliore esperienza di viaggio.
La fondazione si occuperà di gestire un’infrastruttura digitale in grado di accedere ad un immenso database di risorse quali trasporti, musei, hotel, ristoranti e attrazioni varie. L’interfaccia con gli utenti passerà attraverso un assistente virtuale alimentato dall’intelligenza artificiale secondo il modello ChatGPT che dovrebbe essere pronto nel 2025 e che garantirà in tempo reale un servizio gratuito di consulenza dedicato all’informazione turistica, a partire dalla costruzione di veri e propri itinerari personalizzati.
La governance sarà data dal presidente, che per statuto è il sindaco della città, dalla maggioranza dell’Assemblea capitolina con tre membri, e poi un rappresentante ciascuno per Aeroporti di Roma e Camera di Commercio. Previsto un meccanismo di membership a cui potranno aderire singoli player dell’offerta d’attrazione di Roma (albergatori, ristoratori, organizzatori di eventi, istituzioni culturali) che potranno usare servizi e logo della fondazione come riconoscimento della loro qualità. Dopo il già avvenuto via libera in Giunta, la delibera di istituzione della fondazione passerà al voto dell’Assemblea capitolina per una approvazione in tempi brevi, per permettere all’agenzia di iniziare a operare già dal prossimo mese di settembre. (Dire)

Clicca sul banner per leggere Territori della Cultura