fbpx

Turismo, l’Italia è la regina d’Europa per reputazione turistica

da | 5 Feb 2024 | Promozione e valorizzazione, Soft Power italico, Turismo

Trentino-Alto Adige, Sicilia e Veneto conquistano il podio regionale

 

Reputazione turistica, l’Italia è la regina d’Europa, mentre a livello regionale Trentino-Alto Adige, Sicilia e Veneto conquistano la vetta. A dirlo è il Regional Tourism Reputation Index di Demoskopika per il 2023, arrivato ormai alla settima edizione. Lo studio genera una classifica della reputazione dei sistemi turistici regionali italiani ma alla tradizionale analisi si aggiunge anche l’European Tourism Reputation Index (ETR Index), che fornisce un ulteriore confronto anche tra le principali destinazioni del turismo dell’Europa, individuate sulla base della quota degli arrivi secondo gli ultimi dati disponibili di Eurostat. L’Italia, confrontandosi con altri Paesi europei, ha la medaglia d’oro in quasi tutti gli indicatori ma deve migliorare l’utilizzo istituzionale dei Social.

Reputazione turistica, l’Italia è regina d’Europa

L’Italia è regina d’Europa per quanto riguarda la reputazione turistica europea, con 109,1 punti. Le principali destinazioni turistiche considerate oltre all’Italia sono Francia, Germania, Spagna, Paesi Bassi, Australia, Polonia, Svezia, Grecia e Portogallo. Oltre 1,5 miliardi di pagine indicizzate, circa 14,2 milioni di like, iscritti e follower sulle reti sociali, ben 157 milioni le recensioni conteggiate e poco più di 619 mila le strutture ricettive osservate. Sono questi i numeri generati dai sistemi europei per costruire la reputazione turistica delle destinazioni e sintetizzati dall’European Tourism Reputation Index.

L’Italia è la destinazione più ricercata sul web

Il soft power italico ancora una volta mostra tutta la sua energia. Infatti, l’Italia ottiene la medaglia d’oro in ben tre indicatori su cinque: ricerca della destinazione, popolarità della destinazione e Tripadvisor confidence destination. Con oltre un miliardo di pagine, l’Italia è la destinazione più ricercata sul web.

L’Italia è al quinto posto per l’utilizzo dei social istituzionali

Medaglia d’argento italiana per l’indicatore relativo alla valutazione del sistema ricettivo da parte dei turisti. L’Italia deve però migliorare l’utilizzo dei canali istituzionali social, che risultano essere più sfruttati da Spagna, Portogallo, Grecia e Germania, facendo scivolare il Belpaese al quinto posto nella classifica parziale del Rating Social Reputation con 101,8 punti. Spagna e Germania al secondo posto.

Medaglia d’argento per la Spagna

La Spagna è al secondo gradino del podio per quanto riguarda il posizionamento complessivo, con 105,3 punti. Dall’indagine emerge che la Spagna è il paese più social d’Europa, con 112,4 punti e e oltre 3,6 milioni di like e follower. La Spagna si trova al secondo posto per quanto riguarda il livello di fiducia dei turisti: su Tripadvisor sono state rilevate ben 31,7 milioni di recensioni nei mesi del 2023.

Terzo posto per la Germania

Con 101,6 punti, la Germania ottiene il terzo posto nella classifica generale. Medaglia di bronzo nella classifica parziale della valutazione del sistema ricettivo (103,0 punti) e anche nella classifica della ricerca della destinazione (97,9 punti). Con 103,3 punti la Germania raggiunge il quarto gradino della classifica nella social reputation. Quarto posto anche per l’indicatore ‘Tripadvisor confidence destination’ (96,4 punti), mentre raggiunge il quinto posto nella graduatoria della popolarità della destinazione (103,3 punti).

Gli altri gradini della classifica

Al quarto posto della classifica generale compare il Portogallo (101,5 punti), al quinto posto fa il suo ingresso la Grecia (101,2 punti), mentre al sesto gradino si trova Francia (98,0 punti). La Francia però, con 31,6 milioni di recensioni rilevate è la terza destinazione con il più alto livello di fiducia dei turisti. L’Austria compare al settimo posto della classifica generale (97,6 punti). Con oltre 21,6 mila strutture valutate più che positivamente, l’Austria è la destinazione con il sistema ricettivo più apprezzato. Ottavo posto per i Paesi Bassi (93,2 punti), nono gradino per la Polonia (93,0 punti) e decimo posto in classifica per la Svezia (92,5 punti).

Oltre 785 milioni di arrivi per le dieci destinazioni considerate

Le prime dieci destinazioni sono state individuate per arrivi in base ai dati Eurostat 2022. Nel 2022, i paesi rilevati, con oltre 785 milioni di arrivi, rappresentano circa l’84,7% del dato complessivo rilevato nei 27 sistemi turistici nazionali dell’Unione europea, pari a 928 milioni. Le presenze generate complessivamente sono state poco più di 2,3 miliardi, pari all’84,4% del totale dei pernottamenti nei paesi UE (oltre 2,7 miliardi).

Il Trentino-Alto Adige è il re nella classifica regionale

Spostando il focus sui sistemi turistici regionali dell’Italia, il Trentino-Alto Adige, con 112,1 punti, si conferma al primo posto anche per il 2023 nella classifica generale del Regional Tourism Reputation Index, sulla base degli indicatori relativi alla visibilità dei portali turistici istituzionali regionali, al loro social appeal presso gli stakeholder, a popolarità, fiducia, tendenze di ogni destinazione turistica regionale e tenendo in considerazione la reputazione del sistema ricettivo.

Oltre 98 milioni di pagine indicizzate per il Trentino-Alto Adige

Nello specifico, per quanto riguarda la reputazione i numeri parlano da soli: oltre 98 milioni di pagine indicizzate, circa 4,4 milioni di like e followers sulle reti sociali, ben 54,4 milioni le recensioni conteggiate e poco meno di 456mila le strutture ricettive osservate. A pesare più che positivamente sulla medaglia d’oro del Trentino-Alto Adige, inoltre, sono principalmente due risultati: il primo posto quale destinazione più social d’Italia (127,8 punti) e il secondo posto come offerta ricettiva con il gradimento più elevato da parte dei turisti (111,9 punti).

La Sicilia strappa il secondo posto alla Toscana

La Sicilia ottiene il secondo posto, facendo un balzo in avanti di ben cinque posizioni rispetto al 2022 e strappando lo scettro alla Toscana. La Sicilia è in vetta sia per le destinazioni turistiche più ricercate sia tra quelle ritenute più popolari sul web, secondo il comportamento dei consumatori.

Medaglia di bronzo per il Veneto

Terzo posto in classifica per il Veneto (102,8 punti). La regione ha avuto oltre 4,7 milioni di recensioni su Tripadvisor, buona visibilità istituzionale sui canali social e ben 7,3 milioni di pagine indicizzate su Google.

Appeal turistico, Trentino-Alto Adige vince ma Marche ed Emilia-Romagna lo incalzano

Marche ed Emilia-Romagna incalzano il Trentino-Alto Adige e sono sicuramente regioni da tenere d’occhio per quanto riguarda il turismo. Se il Trentino-Alto Adige si conferma come la destinazione più social d’Italia e quindi con la maggiore capacità di appeal turistico con quasi 1,8 milioni di like e followers sulle pagine social ufficiali di promozione turistica, le Marche sono al secondo posto per l’appeal turistico con 108,8 punti e oltre 627mila seguaci. A seguire l’Emilia-Romagna con 104,9 punti e circa 350mila apprezzamenti. Segue la Sicilia  (102,9 punti) e il Veneto (102,0 punti).

Posizionamento online, 12,6 milioni di pagine indicizzate per la Sicilia

Per quanto riguarda il posizionamento online, la Sicilia fa il pieno di clic. Con 12,6 milioni di pagine indicizzate, la Sicilia ottiene per il 2023 il massimo punteggio (126,1 punti) nella classifica dell’indicatore ‘Ricerca della destinazione’, ottenuto conteggiando le pagine indicizzate sul motore di ricerca Google della keyword ‘vacanze’ seguita dal ‘nome destinazione 2023’ per ciascuna regione.

Lombardia e Piemonte sul podio per il posizionamento online

Sul podio si piazzano anche la Lombardia (110,4 punti) e il Piemonte (110,0 punti), rispettivamente con quasi 8 milioni e 7,9 milioni di pagine indicizzate. Ottima posizione anche per la Calabria, che si posiziona al quarto posto (108,3 punti) con 7,4 milioni di risultati. La Calabria distanzia per un soffio la Toscana (108,1 punti) e il Veneto (107,9 punti), rispettivamente con oltre 7,3 milioni e oltre 7,2 milioni di risultati. Seguono Puglia (104,1 punti) con 6,1 milioni di risultati, Marche (103,6 punti), con quasi 6 milioni di risultati, Sardegna (102,9 punti) con 5,8 milioni di risultati, Trentino-Alto Adige (100,9 punti) con 5,2 milioni di risultati e Lazio (100,5 punti) con 5,1 milioni di risultati.

Popolarità delle destinazioni italiane sul web, Sicilia al primo posto

Se si guarda la popolarità delle destinazioni italiane sul web, sono ben sei le Regioni che attirano l’attenzione: Sicilia al primo posto con 126,2 punti seguita da Sardegna (123,0 punti), Toscana (118,4 punti), Puglia (104,2 punti), Calabria (103,5 punti) e Liguria (100,3 punti). Per ottenere la classifica, è stato digitato il nome di ciascun territorio regionale come termine di ricerca su Google Trends in uno stesso periodo categorizzato per il filtro ‘viaggi’, in modo da monitorare la tendenza della destinazione e confrontare il livello medio di popolarità.

La Basilicata ha il sistema ricettivo più apprezzato

La Basilicata ottiene la medaglia d’oro per il sistema ricettivo più apprezzato, con 112,9 punti. Al secondo posto risulta stabile il Trentino-Alto Adige (111,9 punti), mentre il Molise si posiziona al terzo posto del podio (109,1 punti). L’Abruzzo si colloca al quarto posto (106,3 punti) e il Friuli-Venezia Giulia ottiene il quinto posto (103,7 punti). I risultati sono stati ottenuti riparametrando le performance dei punteggi delle graduatorie parziali emerse dai siti di ranking utilizzati e, cioè, con il maggior numero di recensioni totalizzate su Tripadvisor e di valutazioni positive sul totale delle strutture rilevate su Booking, Expedia e Google Travel.

Rio: “Necessità di azioni più incisive nell’utilizzo dei social”

Il presidente di Demoskopika, Raffaele Rio, commenta: “Lo studio evidenzia la necessità di allinearsi alle strategie dei nostri principali competitor europei nell’utilizzo delle pagine social, mettendo in campo azioni più incisive per promuovere l’offerta turistica italiana. L’Italia, da un lato, è una destinazione molto ricercata e popolare sul web, i turisti manifestano apprezzamento per la qualità dell’offerta ricettiva (alberghiero, extra-alberghiero e ristorazione), inondano di recensioni i suoi attrattori turistico culturali ma, dall’altro, i canali social istituzionali non vengono utilizzati in modo altrettanto adeguato al fine di rafforzare ulteriormente la reputazione e promuovere maggiormente la variegata offerta turistica del Belpaese”.

Santanchè: “Proseguire su un percorso di costruzione di proposte turistiche di qualità”

Il Ministro del Turismo, Daniela Santanchè, commenta il primato dell’Italia in Europa: “Essere la Nazione più desiderata e popolare è senza dubbio un dato che ci fa guardare al presente con soddisfazione e al futuro con ottimismo. Ma a noi non basta risultare la destinazione più ricercata online, non possiamo fermarci a questo: dobbiamo aspirare a far diventare l’Italia capace di presentare l’offerta turistica migliore, in termini di ricchezza, profondità e qualità, così da essere non soltanto la meta più sexy in rete, bensì anche quella più scelta. Bisogna, insomma, proseguire su un percorso di costruzione di proposte turistiche di qualità e di rafforzamento della reputazione di brand. E in questo ci sarà di grande aiuto l’hub digitale del turismo che stiamo perfezionando giorno dopo giorno anche grazie alle tante imprese che lo arricchiscono scegliendo di salirvi a bordo”.

L’appello del Ministro

E a proposito di questo, la Santanchè rinnova l’invito agli operatori a salire a bordo del Tdh (italia.it) – l’hub digitale per il comparto lanciato dal Ministero durante l’evento di Welcome Travel Group nell’ambito di Bit 2024: “Il digitale rappresenta, al tempo stesso, una sfida e un importante driver di sviluppo per un’industria turistica sempre più competitiva e sostenibile. A tal proposito, colgo l’occasione per rinnovare l’invito agli operatori presenti a raggiungere le imprese già salite a bordo del Tdh (italia.it) e poter accedere, così, a un insieme di servizi volti a far conoscere la propria attività e reperire informazioni utili, dati di settore, momenti di approfondimento e iniziative a favore della crescita delle aziende e dell’intero ecosistema”.

Clicca sul banner per leggere Territori della Cultura