fbpx

Turismo, dalla Ministeriale G20 le priorità per un turismo sostenibile, responsabile e resiliente

da | 26 Giu 2023 | Turismo

In questi giorni a Goa, in India, si è svolta la ministeriale del G20 turismo. L’Italia ha partecipato con una delegazione guidata dall’On. Gianluca Caramanna. Al centro dei lavori le priorità e le azioni individuate nella Goa Roadmap su Obiettivi di Sviluppo Sostenibile nel settore, che coincidono in gran parte con i pilastri del nuovo Piano Strategico 2023-2027 dell’Italia.

Turismo come veicolo per raggiungere gli obiettivi di sviluppo sostenibile, innovazione, qualità e inclusività ma anche competenze e istruzione. Questi i temi al centro dell’agenda della ministeriale, in cui tutto il gruppo di lavoro ha discusso su cinque aree prioritarie interconnesse: dal turismo verde, alla digitalizzazione, dalla formazione al PMI passando per la gestione delle destinazioni. Priorità che sono elementi chiave per accelerare la transizione del settore turistico e raggiungere gli obiettivi per gli OSS 2030. Rendere responsabile e resiliente questo settore è di fondamentale importanza soprattutto per un’Italia in ripresa che punta a un futuro migliore.

“Crescita e sostenibilità sono oggetto di confronto e riflessioni nel G20 in corso a Goa – ha dichiarato il deputato Gianluca Caramanna – ma sono anche due pilastri sui quali concentreremo il nostro lavoro dei prossimi anni”. Non solo, tutti i membri del G20 infatti, hanno sottolineato l’importanza di soluzioni e innovazioni collaborative per promuovere il turismo tramite l’insegnamento nonché collaborazioni accademiche attraverso programmi congiunti e di scambio. “La formazione avrà un ruolo centrale perché dovrà rendere l’Italia non soltanto la nazione più bella del mondo ma anche la più accogliente. Attraverso la formazione dovremo avvicinare le nuove generazioni a un settore che oggi e ancor di più in prospettiva futura sarà il traino per la nostra economia nazionale” ha concluso l’onorevole.

Clicca sul banner per leggere Territori della Cultura