fbpx

Pubblicato il primo bando per 1052 vigilanti al Mibac

da | 10 Ago 2019 | Arte e Cultura, Bandi e finanziamenti

Foto: Museo archeologico nazionale di Napoli

Come anticipato dal Mibac nei giorni scorsi, puntualmente ieri è stato pubblicato sulla Gazzetta ufficiale della Repubblica – 4° serie speciale n. 63 del 9 agosto 2019, il bando di concorso per 1052 vigilanti da assumere al Ministero per i Beni e le Attività Culturali. E’ il primo di una serie di bandi che secondo le intenzioni e gli annunci del ministro, dovrebbero portare , in poco tempo all’assunzione di ben 5400 unità. Già nel prossimo mese è programmato un bando per altri 250 amministrativi che alla luce dei recenti eventi che riguardano il governo e la legislatura, potrebbe slittare di mesi.

Il bando per i 1052 posizioni a tempo indeterminato, per assistenti alla fruizione, accoglienza e vigilanza di siti, musei e aree culturali, da regolarizzare nella II area, posizione retributiva F2, destina alla Campania il numero più alto di custodi: 200. Segue il Lazio con 198 e la Toscana con 155. Ultimo posto per la Sicilia, con solo due addetti ( la Sicilia ha una propria autonomia sulla competenza nei Beni Culturali). Il 30% dei posti, è riservato ai volontari in ferma breve e ferma prefissata delle forze armate congedati senza demerito, ai volontari in servizio permanente, agli ufficiali di complemento in forma biennale e agli ufficiali in ferma prefissata che hanno completato senza demerito la ferma.

Questo il dettaglio per regione:
Abruzzo 30;
Basilicata 18;
Calabria 64;
Campania 200;
Emilia Romagna 51;
Friuli Venezia Giulia 7;
Lazio 198;
Liguria 48;
Lombardia 77;
Marche 15;
Molise 14;
Piemonte 57;
Puglia 36;
Sardegna 14;
Sicilia 2;
Toscana 155;
Umbria 20;
Veneto 46.

La selezione dei candidati, prevede una prova preselettiva con sessanta quesiti a risposta multipla (quaranta di logica e comprensione del testo, e venti sul diritto del patrimonio culturale, sul patrimonio culturale e sulla normativa in materia di sicurezza sui luoghi di lavoro); un esame scritto riservato a chi avrà superato la prova preselettiva; un test orale volto ad accertare preparazione e capacità professionale dei candidati.

Per candidarsi bisogna essere in possesso dei seguenti requisiti:
diploma di scuola secondaria di II grado;
cittadinanza italiana o europea;
aver raggiunto la maggiore età;
diritto elettorale attivo;
idoneità fisica all’attività;
non essere mai stati allontanati da un’amministrazione pubblica;
non aver riportato condanne penali.

Le domande dovranno essere inviate per via telematica, compilando il modulo on-line tramite il sitema “Step.One 2019” al seguente indirizzo internet https://www.ripam.it entro il quarantacinquesimo giorno dopo la pubblicazione del bando in Gazzetta Ufficiale Per la partecipazione al concorso dovrà essere effettuato, a pena di esclusione, il versamento della quota di partecipazione di 10 euro

Clicca sul banner per leggere Territori della Cultura