fbpx

Alla ricerca di progetti per il turismo sostenibile: il progetto “Booking .com” per le start-up innovative

da | 5 Nov 2018 | Promozione e valorizzazione, Turismo

È giunto alla terza edizione il programma Bookig.com di supporto alle start-up nel settore del turismo sostenibile. Si tratta di una delle maggiori società nel settore delle tecnologie di viaggio. Le candidature sono aperte fino al 2 dicembre.

Gillian Tans, Presidente e CEO di Booking.com, afferma: “Siamo sempre più felici di vedere lo spirito imprenditoriale delle start-up che inviano la propria candidatura per il Booking Booster. Le soluzioni che propongono sono di grandissima ispirazione per quanto riguarda settori chiave come la ridistribuzione dei flussi turistici, la creazione di nuove opportunità economiche per le donne, la promozione della crescita inclusiva per le comunità con scarse risorse e lo sviluppo di soluzioni high-tech per mantenere le destinazioni di tutto il mondo in ottima salute e permettere loro di prosperare”.

E aggiunge: “Crediamo fermamente che la tecnologia abbia il potere di trasformare in meglio il modo in cui possiamo scoprire il mondo e non vediamo l’ora di poter supportare le realtà più innovative del futuro, che già oggi stanno cercando di avere un impatto durevole e sostenibile sul settore dei viaggi in generale”.

Ci sono 143.000 destinazioni davvero uniche in tutto il mondo. L’obiettivo è contribuire alla salute e al benessere di queste mete preservandole e rendendole accessibili anche per le generazioni future attraverso gli strumenti di volontariato aziendale quali il Booking Cares Fund, i Booking Cares Labs e il programma Booking Booster.

Sarà offerta la possibilità di attingere a un fondo di 2 milioni di euro per le 10 start-up e imprese sociali selezionate. Sono previste tre settimane di lezioni, workshop e sessioni formative dove sarà possibile presentare i propri progetti in un pitch finale per cercare di aggiudicarsi un finanziamento fino a 500.000 euro.

Quattro sono gli obiettivi principali: distribuire i benefici e gli effetti del turismo in modo più equilibrato; creare opportunità economiche per le donne; promuovere la crescita inclusiva delle comunità locali con scarse risorse; proteggere l’ambiente. Uno dei problemi più attuali e urgenti del turismo sostenibile è il sovraffollamento di alcune delle destinazioni più amate del mondo. Amsterdam, Venezia e Barcellona sono alcune delle città in cui sono già attive diverse start-up che cercano soluzioni innovative.

I viaggiatori si dimostrano ben disposti a cambiare le proprie abitudini. Più della metà (51%) dichiara di voler soggiornare fuori dal centro storico o di avere intenzione di viaggiare in bassa stagione (68%). A livello globale, la partecipazione delle donne in età lavorativa (25-54 anni) al mercato del lavoro raggiunge il 64% rispetto al tasso di partecipazione degli uomini (94%), e al momento la differenza salariale tra i due sessi ha raggiunto il 23%.

C’è il programma Women on Wheels di Sakha Consulting che nei prossimi due anni fornirà un mezzo di sostentamento a oltre mille donne, che diventeranno conducenti di taxi per sole donne.

Una ricerca del Programma delle Nazioni Unite per l’Ambiente stima che per ogni 100 dollari sborsati dai turisti provenienti dai paesi più ricchi durante una vacanza solo 5 restano nel Paese in cui vengono spesi. Una soluzione a questo problema è offerta dalla Backstreet Academy, la start-up finanziata da Booking Booster nel 2017, che permette ai viaggiatori di interagire in prima persona con i produttori o gli artigiani locali attraverso una piattaforma peer-to-peer che favorisce i micro-imprenditori locali.

C’è anche Desolenator, una delle iniziative finanziate nel 2017, che si concentra su un altro tema che sono le sfide ambientali, come la crisi idrica, utilizzando tecnologie avanzate per cercare di arginare l’uso eccessivo della plastica producendo acqua potabile da qualunque risorsa idrica disponibile sfruttando l’energia solare. Al momento Desolenator sta preparando una serie di progetti pilota per il 2019, tra cui uno che mira a eliminare l’uso delle bottiglie di plastica in un resort della Cambogia. Guadagna l’ambiente e risparmia l’hotel: otto tonnellate di Co2 in meno e 33.000 dollari risparmiati.

Clicca sul banner per leggere Territori della Cultura