fbpx

Ttg di Rimini: Basilicata “la regione più amata d’Italia” in un turismo digitale in crescita

da | 12 Ott 2018 | Promozione e valorizzazione, Turismo

La Basilicata è “la regione più amata d’Italia”, anche la seconda “più accogliente” e la terza “più autentica”. Lo dice il premio Idd (Italia Destinazione Digitale) alla sua terza edizione e prodotto dalla società di analisi e studio della rete nel settore del turismo Travel Appeal, nell’ambito della Ttg Travel Experience alla Fiera di Rimini.

Mariano Schiavone, direttore generale dell’Agenzia di Promozione Territoriale, esprime la sua soddisfazione: “A ritirare i premi è stata chiamata Apt e mentre nel caso degli Hsa è un lavoro svolto costantemente dal nostro web team da anni, il premio Idd è da condividere con tutto il sistema turistico della Basilicata, dagli operatori alle istituzioni che quotidianamente operano per far crescere la nostra reputazione ribaltando la storica etichetta che il passato ci ha attribuito. Un traino di immagine lo sta evidentemente rappresentando la forza di Matera ed in questo caso il web sta amplificando maggiormente la visibilità e la percezione della qualità di tutto il territorio”.

Il digitale rappresenta un’opportunità da non perdere per il settore del turismo, e in particolare si parla dello smartphone, con la rispettiva crescita da capogiro del 46% (quasi un quinto del mercato turistico digitale) pure se a fronte dell’82% del pc e tablet che però aumenta solo del 3%.

Infatti, il mercato del digitale occupa un posto centrale in quello più generale del turismo, con i 14,2 miliardi di euro (cioè 24%) su un totale di 58 miliardi previsti alla fine del 2018 secondo le analisi dell’Osservatorio Innovazione Digitale nel turismo della School of Management del Politecnico di Milano, secondo cui: “La competitività nell’industria dei viaggi si gioca a livello internazionale e giocare di sistema è vincente”.

Come afferma Filippo Renga, direttore dell’Osservatorio: “I clienti richiedono a tutti gli attori della filiera un’esperienza online sempre più fluida e personalizzata sulla quale l’offerta si trova spesso in ritardo. Emblematico è il dato del tasso di abbandono dei carrelli durante la visita a siti e aggregatori calcolato dal nostro Osservatorio eCommerce B2c: il 44% dei visitatori esce immediatamente dal portale; tra chi rimane, il 76% abbandona subito dopo la ricerca del prodotto o del servizio e solo l’1,6% perfeziona l’acquisto”.

Il problema è che ogni 100 persone che giungono su un sito per un acquisto, solo 2 lo completano al termine del percorso, nonostante siano arrivati anche a inserire il prodotto nel proprio carrello virtuale. È uno dei motivi che spingono il settore digitale verso una semplificazione del processo d’acquisto, fino a arrivare nel futuro prossimo a farlo con un solo click. L’utilizzo dei big data permetterà di indirizzare chi naviga su Internet prontamente verso le sue aspettative, grazie alle informazioni accumulate.

Clicca sul banner per leggere la rivista