MiBAC: Il “Sistema museale nazionale” a “burocrazia zero” entra in azione

da | 21 Set 2018 | Lavoro e professioni, Promozione e Valorizzazione

[Sistema museale nazionale, MiBAC]

18 settembre si è insediata la commissione del Sistema museale nazionale presso il MiBAC, sancendo con la riunione ufficiale alla presenza del Ministro Bonisoli l’entrata in azione da parte dello Smn. Si tratta di un organismo collegiale che gestisce il progetto di mettere in rete i musei e i luoghi della cultura del nostro Paese e non solo, promuovendo una più stretta collaborazione a “burocrazia zero” tra lo Stato e le Regioni. L’obiettivo è “far lavorare insieme lo Stato, le Regioni, i Comuni e gli altri Enti Locali, le Università e tutto il sistema di formazione, consapevoli che la formazione dei diversi pubblici, dei professionisti in servizio e di quelli in arrivo sarà una colonna portante della rete museale e delle altre delle reti culturali che andremo a costituire. Il programma di lavoro a burocrazia zero, risponde al Programma di governo anche in questo aspetto”, dice il direttore generale Musei, Antonio Lampis, che anche presiede la commissione. Infatti, il progetto prevede anche corsi di aggiornamento e formazione del personale, “nella consapevolezza che la formazione sia una colonna portante della rete museale e delle reti culturali che si andranno a creare”.
Il Sistema museale nazionale mira inoltre a promuovere il nostro patrimonio culturale a livello internazionale, come afferma il MiBAC in una nota: “Attraverso un coordinamento multilivello e una cooperazione intersettoriale, sarà possibile offrire vantaggi in termini quantitativi e qualitativi all’utenza e spingere la competitività dell’Italia nel panorama turistico internazionale”.
La commissione è composta da quattordici membri: cinque del Mibac, tre delle Regioni, due dell’Icom, due dell’Anci e uno dell’Upi.
Del Ministero sono: Manuel Roberto Guido (dirigente del ministero assegnato alla Direzione Musei), Martina De Luca (funzionaria MiBAC storica dell’arte), Cristina Da Milano (esperta), Daniela Tisi (consigliera del ministro per la gestione complessa del patrimonio culturale attraverso reti e sistemi museali territoriali). Barbara Jatta (direttrice dei Musei Vaticani).
Delle Regioni, invece, Maria Teresa De Gregorio (dirigente della Regione Veneto), Anna Cipparone (direttore del Museo multimediale “Consentia Itinera”, Cosenza) e Roberto Ferrari (Direttore Cultura della Regione Toscana).

Dell’Icom: Tiziana Maffei (presidente dell’Icom) e Adele Maresca Compagna (vice presidente).
Infine, dell’Anci ci sono Marianella Pucci (esperta) e Vincenzo Santoro (Dipartimento Cultura e Turismo dell’Anci), e dell’Upi, Francesca Cappelletti (Università degli studi di Ferrara).