fbpx

Bonisoli: I giovani all’opera con 2 euro. Cambia l’ingresso gratuito ai musei

da | 19 Set 2018 | Arte e Cultura, Promozione e valorizzazione

Ieri il ministro per i Beni e le attività culturali Alberto Bonisoli si è recato al Teatro alla Scala di Milano e nel corso dell’incontro con il sovrindentente Alexander Pereira ha annunciato che dalla prossima stagione tutti i ragazzi fino a 25 anni potranno entrare alla Scala pagando un biglietto ridotto a 2 euro. L’iniziativa, rivolta alle nuove generazioni, “che spesso considerano la cultura con scetticismo” – ha commentato il ministro – è stata proposta anche a tutte le Fondazioni Lirico Sinfoniche italiane, le quali hanno deciso di aderirvi all’unanimità. “L’idea di riservare posti in teatro per i ragazzi, in modo da poter permettere loro di assistere agli spettacoli d’opera a un prezzo vantaggiosissimo di 2 euro, è una buona proposta che viene sicuramente accolta positivamente da tutti i sovrintendenti delle Fondazioni Liriche”, ha dichiarato Cristiano Chiarot, presidente dell’ANFOLS e sovrintendente del Maggio Musicale Fiorentino, che poi ha aggiunto: “Tale promozione andrà sicuramente ad arricchire e rafforzare le politiche che i teatri italiani hanno messo in atto negli ultimi anni per incrementare la fruizione degli spettacoli da parte di tutti i pubblici e nello specifico ad avvicinare ancor di più i giovani alla musica sinfonica e all’opera”. “Siamo certi” – conclude Chiarot – “che il Ministro conosce bene le peculiarità del comparto e che si impegnerà – quello di oggi ne è un esempio concreto – per risolvere definitivamente le problematiche che da anni affliggono la lirica e la musica sinfonica in Italia. Solo così si avrà il rilancio di un settore fatto di artisti e maestranze che tutto il mondo ci invidia e che è sinonimo della più schietta e genuina italianità, uno dei biglietti da visita culturali di più alto profilo del nostro Paese”. Soddisfazione è giunta anche dal sovrintendente della Scala Pereira, sia per l’iniziativa che per la visita del ministro Bonisoli; “è la prima volta nella storia della Scala che un ministro è venuto qui, per discutere dei nostri problemi” – ha affermato Pereira, che poi ha concluso dicendo: “So che non lo fa solo qui, ma gli sono molto grato per il fatto di essere venuto in teatro”. A marigine della sua visita alla Scala, rispondendo ai cronisti che gli chiedevano dell’accesso gratuito ai musei statali la prima domenica del mese, Bonisoli ha precisato che “dipende dai direttori: noi abbiamo definito un quadro di riferimento, un modello che possa essere allo stesso tempo comunicabile e a disposizione dei direttori per fare delle scelte che vadano bene per i loro musei”. “In parole povere – ha chiarito – ci saranno le sei domeniche del mese nel periodo di bassa stagione, da ottobre a marzo, poi ci sarà una settimana intera di gratuità (dal martedì alla domenica compresa) che sarà la stessa per tutta Italia e che sarà probabilmente a marzo 2019 ma dobbiamo ancora decidere, e poi ogni direttore avrà a disposizione otto giornate che potrà mettere come preferisce”. “Molti direttori mi hanno già anticipato che vorrebbero utilizzarle per le prime domeniche del mese anche in alta stagione e a me va benissimo, vorrà dire che in certe città si ritiene che questa sia la formula più interessante” – ha poi proseguito, sottolineando che queste sono agevolazioni “che ogni direttore potrà utilizzare per cucirsi addosso la formula migliore che gli consenta di massimizzare i visitatori, di avere un ritorno economico interessante e soprattutto di avere un prestigio, una reputazione del museo all’altezza di quello che è il patrimonio artistico”. Chi ha già le idee chiare in materia di entrate gratuite o ridotte è il direttore della Pinacoteca di Brera James Bradbourne, pronto a lanciare, accanto all’effettivo descreto ministeriale, la formula “Brera 3 2 1”: ingresso a 3 euro il terzo giovedì del mese, biglietti ridotti a 2 euro per i giovani dai 18 ai 25 anni e infine, nei week-end, entrata a 1 euro per gli over 65.

Clicca sul banner per leggere la rivista