fbpx

Matera, il Ministro Lezzi fa il punto sui lavori ancora in ritardo. Ma domani si presenta il Piano Juncker

da | 4 Dic 2018 | Turismo

Ieri a Matera il Ministro per il Sud Barbara Lezzi ha partecipato alla riunione sullo stato dei lavori in vista dell’ormai prossimo evento Matera 2019 Capitale europea della Cultura. Al termine dell’incontro ha affermato: “Se qualcosa non sarà pronto ce ne faremo una ragione”. Infatti, Lezzi si era già espressa altre volte sulla lentezza con cui procedono i lavori: “come vi dicevo, l’agenzia del ministero che si occupa di alcuni appalti sta andando avanti. I lavori procedono e ci dobbiamo risentire a breve per ottimizzare il trasporto pubblico locale tra l’aeroporto di Bari e Matera. Per quanto riguarda il Comune le solite cose: piazza della Visitazione è ancora da decidere”.

Il Ministro ha proseguito: “L’Anas ha riferito, riguardo alla statale 99, che stanno accompagnando finanziariamente un’impresa che aveva problemi di liquidità e pertanto stava rallentando una parte dei lavori, per febbraio comunque sarà quasi tutta completa, anche se c’è una parte che slitterà di qualche altro mese sempre a causa di problemi legati alle imprese entro la fine dell’anno tornerò ancora a Matera anche perché con Invitalia, Prefetto e Fal stiamo valutando la possibilità di efficientare il trasporto per l’evento di Capodanno”.

Ha concluso, dicendo: “Mi auguro che le elezioni siano molto prima di maggio. Abbiamo una regione in ostaggio, sostanzialmente. E sono già diversi mesi. Bisogna andare alle elezioni”, anche se, “io credo”, ha spiegato, “che sarà una bella manifestazione per Matera, bella di suo”.

Nel frattempo sempre a Matera, domani mercoledì 5 dicembre si concluderà il “Tandem Tour”, l’iniziativa itinerante organizzata dalla rappresentanza della Commissione europea in Italia in collaborazione con Cassa depositi e prestiti (Cdp) per illustrare a piccole e medie imprese, associazioni di categoria, banche e istituti di credito, università ed amministrazioni pubbliche locali le opportunità offerte in Italia dal Piano Juncker, il programma di investimenti elaborato dalla Commissione europea che si propone di mobilitare 500 miliardi di euro entro il 2020 per rilanciare la crescita economica in Europa, come riferisce un comunicato stampa.

L’evento si svolgerà a partire dalle ore 10 con la partecipazione delle rappresentanze regionali di Confindustria, Confcommercio e Abi. L’incontro rappresenta l’occasione per illustrare gli strumenti finanziari per lo sviluppo messi a disposizione dall’Unione Europea, per presentare le proposte della Commissione europea a sostegno degli investimenti, e per evidenziare il ruolo svolto dagli Istituti nazionali di promozione (Inp), come Cdp, nell’ambito del Piano.

Il Piano Juncker è stato approvato nel giugno 2015, poi prolungato nel settembre 2016, e costituisce uno sforzo collettivo per promuovere gli investimenti nell’economia reale. Gli obiettivi principali sono rafforzare la creazione di posti di lavoro e la crescita, accrescere la competitività, consolidare la capacità produttiva e infrastrutturale. Attraverso il Gruppo bei, ha attivato quasi 50 miliardi di investimenti in Italia, di cui circa 6 sono stati investiti da Cassa depositi e prestiti, l’Inp che ha contribuito in maniera decisiva al successo del Piano in Italia.

L’attività strategica di supporto al tessuto economico del Paese da parte di Cdp si diversifica in numerose attività di impiego, che si affiancano all’impegno a supporto del Piano Juncker. In Basilicata, Cdp – dal 2015 al 2018 – ha concesso 179 milioni di euro per sostenere gli investimenti degli Enti territoriali della regione. Mentre sono 315 le piccole e medie imprese supportate – in sinergia con il sistema bancario e il Fondo di garanzia per le Pmi – con finanziamenti e controgaranzie un totale pari a oltre 35 milioni di euro. Inoltre, nel pomeriggio della stessa giornata, la rappresentanza in Italia della Commissione europea ha organizzato un dibattito sull’Anno europeo del patrimonio culturale ed un confronto tra esperti in vista di Matera Capitale europea della Cultura per il 2019.

Clicca sul banner per leggere la rivista