fbpx

Dal 2025 la Germania riduce l’iva sulle opere d’arte al 7%

da | 21 Giu 2024 | Flash News

Il provvedimento va incontro alle richieste di galleristi e mercanti d’arte che da tempo sostengono di essere svantaggiati rispetto ai concorrenti di altri Paesi con l’attuale aliquota del 19%. Già dal 2023 la Francia ha inserito l’aliquota ridotta dell’Iva al 5.5% su tutte le transazioni a partire da gennaio 2025.
Il Gruppo Apollo, che rappresenta l’industria dell’arte in Italia e riunisce le principali case d’asta, antiquari, gallerie di arte moderna e contemporanea e imprese della logistica, rinnova l’appello al Governo italiano di seguire quanto prima la strada francese e ora tedesca adottando un iva il 5%, diventando così ancor più competitiva nel mercato europeo.
In Italia l’aliquota ordinaria sulle opere d’arte è del 22%, più elevata di quella della stragrande maggioranza degli altri Paesi europei. Solo per le cessioni effettuate dall’autore dell’opera, suoi eredi o legatari va applicata l’iva ridotta al 10%.

Clicca sul banner per leggere Territori della Cultura