fbpx

L’ Italia contribuisce alla ricostruzione della copertura della cattedrale di Odessa

da | 11 Feb 2024 | Flash News

Nel quadro della missione a Kiev dell’inviato speciale del ministro degli Esteri per la ricostruzione dell’Ucraina, Davide La Cecilia, ha avuto luogo la cerimonia di firma dell’accordo tra l’Italia e l’Unesco per un contributo finanziario di 500mila euro, provenienti dalla Cooperazione italiana, finalizzato a realizzare una prima copertura al tetto della Cattedrale della Trasfigurazione di Odessa, monumento gravemente danneggiato dai bombardamenti russi del 23 luglio scorso.
Si tratta, si legge in una nota diffusa dalla Farnesina, di un intervento importante a tutela di uno degli edifici simbolo della storia culturale e religiosa della città. “L’Italia è fortemente impegnata, con le sue istituzioni e il suo sistema produttivo, nel sostegno alla ricostruzione dell’Ucraina”, ha dichiarato l’ambasciatore Pier Francesco Zazo. “Come ricordato anche dal vicepremier e ministro degli Affari esteri Antonio Tajani, abbiamo una straordinaria capacità nella protezione e salvaguardia del patrimonio culturale e urbanistico internazionale”.
“Il nostro progetto nasce dalla volontà di coinvolgere, sulla base di una proposta della Triennale di Milano e del Museo Maxxi di Roma che la Farnesina sta portando avanti insieme al ministero della Cultura, creativi e progettisti, istituzioni culturali internazionali, aziende e soggetti economici italiani per una rigenerazione urbanistica e architettonica delle città ucraine, a partire da Odessa di cui abbiamo assunto il patronato, in una logica di trasformazione verde, digitale e sostenibile”, ha sottolineato l’inviato speciale La Cecilia.
L’accordo è stato sottoscritto da Zazo, per l’Italia, e dalla Direttrice Unesco per l’Ucraina, Chiara Dezzi Bardeschi, per l’organizzazione internazionale, alla presenza di La Cecilia e del titolare della sede regionale dell’Agenzia italiana per la cooperazione allo sviluppo (Aics) di Kiev, Pietro Pipi.
(Dire)

 

Clicca sul banner per leggere Territori della Cultura