fbpx

La Pala di Durante del Perugino torna a Fano esposta dopo il restauro

da | 2 Dic 2023 | Flash News

Giovedì 7 dicembre 2023 s’inaugura alla sala Morganti del Palazzo Malatestiano la mostra-dossier “Pietro Perugino a Fano. Primus pictor in orbe”, degna conclusione delle celebrazioni dei cinque secoli dalla morte di Pietro Vannucci, universalmente noto come Pietro Perugino. Presenti, il Sindaco Massimo Seri, l’Assessore alla Cultura e ai Beni Culturali Cora Fattori, le curatrici della mostra Anna Maria Ambrosini Massari ed Emanuela Daffra. La mostra è promossa dal Comune di Fano, in collaborazione con l’Opificio delle Pietre Dure e la Soprintendenza ABAP per le province di Ancona e Pesaro e Urbino, con il contributo della Regione Marche; resterà visitabile fino al 7 aprile 2024.

Primus pictor in orbe’: ‘primo pittore al mondo’, così viene descritto Perugino nel contratto del 1488 che lo portava a lavorare a Fano dove avrebbe realizzato due opere eminenti: la Madonna con il bambino in trono e i santi Giovanni Battista, Ludovico di Tolosa, Francesco, Pietro, Paolo e la Maddalena, detta Pala di Durante, e l’Annunciazione. La Pala di Durante fu commissionata per l’altare maggiore della chiesa di Santa Maria Nuova in San Lazzaro a Fano. L’opera è costituita da una grande ancona centrale, la cimasa con il Cristo in Pietà e la predella con cinque episodi della vita della Vergine. È un’opera identitaria per la città di Fano: restituita allo splendore perduto, sarà testimone di un evento senza precedenti e attirerà l’attenzione internazionale su uno dei capolavori di Perugino.

La mostra-dossier consentirà di vedere come mai prima la Pala e ogni sua sezione, attorno a cui saranno disposti resoconti dell’eccezionale restauro e confronti fondamentali, grazie a riproduzioni digitali. In particolare, quello con la cosiddetta ‘pala gemella’, realizzata per l’altare maggiore della chiesa degli osservanti di Senigallia. Un confronto accattivante, con elementi didattici e scientifici di straordinaria importanza, che ci portano dentro le grandi botteghe artistiche del tempo.

Clicca sul banner per leggere Territori della Cultura