fbpx

Tiziano e i maestri del Rinascimento veneziano in mostra ad Hong Kong

da | 13 Nov 2023 | Arte e Cultura

Le Gallerie degli Uffizi portano Tiziano e il Rinascimento Veneziano a Hong Kong. Fino al 28 febbraio 2025 L’Hong Kong Museum of Art (HKMoA) accoglie infatti la prima esposizione su larga scala di questo tipo ospitata nella grande metropoli asiatica. La mostra, intitolata “Tiziano e il Rinascimento Veneziano dagli Uffizi” offre alla visione del pubblico 50 opere di Tiziano e di artisti veneziani dello stesso periodo, come Giorgione, Tintoretto e Paolo Veronese ed altri maestri.

Le opere esposte

Ritratti e opere di soggetto biblico e mitologico, consentono ai visitatori di immergersi nel mondo artistico della scuola pittorica veneziana. Tra i capolavori in mostra, anche “Flora” di Tiziano, il “Mosè provato dal fuoco” di Giorgione, “Venere, Amore e Vulcano” di Tintoretto e il “Battesimo di  Cristo” di Veronese. Finanziata dal “Jockey Club Charities Trust”, la principale fondazione culturale locale, l’esposizione è realizzata con il sostegno del Consolato Generale d’Italia a Hong Kong ed è il frutto della proficua collaborazione fra le Gallerie degli Uffizi e il Dipartimento dei Servizi Culturali di Hong Kong.

La seconda collaborazione Uffizi-HKMoA

Si tratta della seconda collaborazione tra il HKMoA e gli Uffizi nell’ambito del protocollo d’intesa firmato tra i due musei nel 2019. La prima esposizione, tenutasi 4 anni fa, era stata una mostra su Botticelli e il Rinascimento fiorentino. “Questa mostra rappresenta un esempio del potere della cultura e sono lieto che tale messaggio sia sottolineato in questa occasione dall’arte di un genio universale come Tiziano, ma anche dall’incredibile periodo artistico del Rinascimento Veneziano” ha affermato l’Ambasciatore Ambrosetti nel suo discorso di apertura. “In questo contesto particolare, siamo in grado di costruire ponti culturali, che si basano su secoli di connessioni, e ovviamente su secoli di opere che hanno contribuito allo sviluppo culturale mondiale”.

Il Rinascimento veneziano d’ispirazione per la Cina

A corredo della mostra, l’HKMoA ha invitato gli artisti locali Leung Chi Wo e Chan Kwan-lok a trarre ispirazione dalla scuola di pittura veneziana per creare le loro opere, ponendo in essere un dialogo che attraversa i secoli per gettare un ponte tra l’arte contemporanea di oggi e il Rinascimento italiano. L’installazione artistica site-specific, “Tears of Tempo”, creata dall’artista visivo Leung con lampade vintage in vetro veneziano del XIX e XX secolo, permette agli spettatori di esplorare i segni sottili ma inesorabili dei momenti passati. Chan Kwan-lok utilizza invece le tradizionali tecniche dell’inchiostro per personificare elementi naturali nei 13 dipinti gongbi della sua installazione artistica con inchiostro, “The Connection with Nature”.

“Grazie a questa mostra, restaurate alcune opere”

Il direttore delle Gallerie degli Uffizi, Eike Schmidt, ha sottolineato che la mostra ha offerto l’opportunità di restaurare diverse opere dai depositi degli Uffizi che non erano state esposte in precedenza. Questi restauri hanno permesso di far risplendere le opere nei loro colori originali e hanno rivelato una qualità superiore a quanto si pensasse. Ad esempio, nel caso del Baccanale, si è scoperto che l’opera, precedentemente considerata una copia del XVII secolo, è stata dipinta da Tiziano stesso, forse con il suo contributo diretto. Questi ritrovamenti confermano l’efficacia del principio di finanziare i restauri attraverso i proventi delle mostre, offrendo al contempo opportunità per nuove ricerche grazie alle esposizioni all’estero.

Clicca sul banner per leggere Territori della Cultura