fbpx

MANN. Ultimato il restauro della vasca in porfido rosso

da | 1 Ott 2023 | Arte e Cultura, Conservazione e Tutela

Patrimonio della collezione Farnese abbellisce il Giardino delle Fontane.

Il 28 settembre è stato ultimato il restauro della vasca in porfido rosso che, patrimonio della collezione Farnese, abbellisce il Giardino delle Fontane del MANN. L’iniziativa è stata realizzata grazie alla sponsorizzazione dell’azienda Rigoni di Asiago che, in collaborazione con Fondaco Italia e in occasione dell’Expo di Milano del 2015, ha lanciato il progetto itinerante “La natura nel cuore di…”. L’azienda veneta ha promosso una votazione online, cui hanno partecipato circa 30mila utenti. Sono stati questi cittadini virtuali a scegliere Napoli come settima tappa di un articolato percorso di tutela e valorizzazione dei beni culturali nazionali.

Il ritrovamento della “Grande tazza rossa” ha avuto luogo nelle Terme di Caracalla durante gli scavi condotti dai Farnese nel XVI sec. ed è un pregevole manufatto della prima metà del II sec. d.C., probabilmente commissionato da un imperatore romano per un edificio pubblico. L’opera, trasferita agli inizi dell’Ottocento nel Real Museo Borbonico, oggi finalmente torna ad abbellire il Giardino delle Fontane del Museo Archeologico Nazionale di Napoli, perfettamente restaurata. Il lavoro di restauro è stato condotto sotto la supervisione del Laboratorio del MANN, con responsabile Mariateresa Operetto, e realizzato da Pantone Restauri di Roma. Tra le varie operazioni del restauro ricordiamo i trattamenti biocida, la revisione degli interventi pregressi realizzati negli anni Sessanta e nel 2003, la pulitura e la realizzazione di nuove stuccature in luogo di quelle deteriorate, e il complessivo riequilibrio cromatico tra vecchi e nuovi interventi.

Queste le parole di Paolo Giulierini, direttore del MANN, a proposito dell’iniziativa di restauro: “La scelta di restaurare la preziosa vasca di fontana in porfido rosso vuole essere un ulteriore segno di attenzione per la rinascita e la cura degli spazi verdi all’interno del MANN. Il prezioso manufatto, posto al centro del giardino delle Fontane, è parte integrante della nostra collezione Farnese, così come la sosta nei tre giardini storici è tappa irrinunciabile dell’ esperienza di visita”.

A rappresentare Fondaco Italia, per la tutela del patrimonio artistico, è il Presidente Enrico Bressan, che si è espresso con queste parole di speranza e soddisfazione: “In questo particolare momento storico abbiamo bisogno di esempi positivi e concreti, abbiamo bisogno di messaggi valoriali, abbiamo bisogno di persone che, grazie al loro agire quotidiano serio, intraprendente, coerente e professionale contribuiscano ad attirare l’interesse in particolare, dei giovani. La responsabilità sociale d’impresa è una forma di cultura in forza della quale può e deve scaturire anche un rinnovato spirito di appartenenza e la consapevolezza che possiamo progettare un futuro (un nuovo rinascimento) soltanto se conosciamo e valorizziamo il nostro passato”.

Andrea Rigoni, Presidente di Rigoni Asiago Srl spiega l’iniziativa “La natura nel cuore di…” e l’apprezzata scelta di restauro della vasca rossa: “Sono veramente felice di sbarcare a Napoli, nell’anno del centenario della mia azienda. La città partenopea è la settima tappa del nostro progetto “La natura nel cuore di …” che abbiamo iniziato nel 2015 in collaborazione con Fondaco Italia.
Il mio personale rapporto con le opere d’arte, che abbiamo sin qui restaurato, è molto profondo e non nascondo di essere orgoglioso perché ad esse, siamo riusciti a dare un futuro migliore. In particolare, questa fontana in porfido rosso mi ha rapito riportandomi all’epoca dei grandi personaggi dell’antica Roma. Desidero ringraziare tutti coloro che hanno votato questa città, contribuendo così alla rinascita di questa opera. Auspico che essa possa essere motivo di ulteriore interesse e curiosità, affinché sempre più persone vengano a visitare Napoli con il suo MANN, che rappresenta l’eccellenza della bellezza del nostro Paese!”.

 

 

Clicca sul banner per leggere Territori della Cultura