fbpx

Venezia. Apre il primo salone dell’alto artigianato italiano

da | 26 Set 2023 | Flash News

 

La fiera espositiva si svolgerà all’Arsenale di Venezia da giovedì 28 settembre a domenica 1 ottobre con l’inaugurazione giovedì 28 alle ore 11.30 alla presenza del sindaco, Luigi Brugnaro, e del ministro per le Riforme istituzionali e la Semplificazione normativa, Maria Elisabetta Alberti Casellati.
Al Salone dell’Alto Artigianato Italiano in esposizione il meglio dei saperi manuali, del fare nei diversi settori: dalla ceramica ai tessuti pregiati, dalle opere in vetro soffiato alle pietre preziose, dai gioielli ai mobili, solo per citarne alcuni.
Due i progetti speciali a cura della Fondazione Musei Civici di Venezia e di Fablab Venezia.
La Fondazione Musei Civici presenta presso la Tesa 99 all’Arsenale una selezione di opere provenienti dalle Collezioni conservate nei musei: dal Museo del Vetro di Murano, al Museo del Merletto di Burano e dal Palazzo Mocenigo.
Saranno esposti:
• merletti, mosaici e calzature;
• produzioni correlate alle Scuole professionali che ad oggi mantengono vive queste specificità esecutive;
• opere in vetro provenienti da passate esposizioni del Padiglione delle Arti Decorative della Biennale di Venezia, nato nel 1932;
Fablab Venezia presenta il progetto di allestimento “Tradizioni FUTURE” che racconta materiali, buone pratiche e opportunità per un nuovo artigianato supportato dalla tecnologia. La fabbricazione digitale (stampa 3d, scansione 3d, taglio laser, robotica) diventa una preziosa alleata per artigiani e artigiane contemporanei, supportando lo sviluppo di processi ibridi e virtuosi e la creazione di nuovi prodotti.
Il Salone dell’Alto Artigianato Italiano è promosso dal Comune di Venezia e organizzato da Vela spa nell’ambito del progetto “Venezia e la sua laguna: gestione e valorizzazione dei flussi turistici” finanziato dal Ministero del Turismo per la valorizzazione dei Comuni a vocazione turistico-culturale nei cui territori sono ubicati siti riconosciuti dall’UNESCO patrimonio dell’umanità.

Clicca sul banner per leggere Territori della Cultura