fbpx

Bonus cultura 18app. Il Mibac ripristina i 100 mln di finanziamento

da | 4 Lug 2019 | Arte e Cultura, Leggi e regolamenti

A maggio di quest’anno, 100 milioni delle risorse per la card per i diciottenni, erano state spostate sul decreto crescita per contribuire alla copertura finanziaria. In quella occasione, a seguito di proteste, da parte sopratutto degli editori, il ministro Bonisoli assicurò che le risorse sarebbero state integrate.

Nella seduta del 1 luglio, il Consiglio dei ministri, ha approvato un disegno di legge di assestamento del bilancio 2019 che certifica una correzione di 6,1 miliardi di euro che comprende anche il ripristino del finanziamento di 100 milioni di euro per il “Bonus cultura” di 500 euro destinato ai giovani che hanno compiuto o compiranno 18 anni nel 2019. L’anno scorso il bonus è stato utilizzato da 417mila ragazzi per una spesa di 192 milioni. Per il 2019 lo stanziamento cala da 240 a 140 milioni. Il ripristino dei fondi per la 18app “e’ una non notizia”. E’ il commento del ministro dei beni culturali Alberto Bonisoli, che precisa: “I 100 milioni della 18App per i nati nel 2001 furono spostati momentaneamente dopo un accordo tra me e la viceministro del Mef Castelli per una questione contabile. Lo dissi allora e oggi ho semplicemente mantenuto quel che avevo dichiarato” “Ogni tanto capita di leggere una buona notizia ed è giusto sottolinearla. Vi ricordate la App18 per i 18enni sulla cultura, app che qualcuno chiamava #BonusRenzi? È una iniziativa che abbiamo voluto dopo la strage del Bataclan e che abbiamo finanziato nel 2015. Più volte i populisti l’hanno cambiata, cancellata e poi reintrodotta dopo le nostre polemiche. E dire che altri Paesi la stanno copiando”. Lo scrive Matteo Renzi sulla sua pagina Facebook. “Adesso la buona notizia è che il governo ha recuperato il taglio che aveva fatto qualche mese fa. Quindi anche i ragazzi del 2001 avranno il #BonusRenzi da spendere per musica, libri, teatro.” Soddisfazione anche da parte degli editori.“”Siamo soddisfatti – precisa il presidente dell’Associazione Italiana Editori-Aie, Ricardo Franco Levi- che, facendo seguito alle rassicurazioni autorevolmente date dal ministro Bonisoli e dal viceministro dell’Economia e finanze Laura Castelli, queste risorse siano state confermate. E’ una buona notizia per tutti: il sostegno alla domanda resta un elemento determinante per garantire solidita’ al mercato del libro e per sostenere i consumatori, le famiglie e soprattutto i giovani nell’accesso alla lettura” .

Clicca sul banner per leggere la rivista