fbpx

Scoperta casuale di una tomba a camera del II secolo a Taranto

da | 17 Giu 2019 | Flash News

E’ stata una scoperta casuale, ma una grande sorpresa, quella della Tomba a camera con sette inumazioni, databile al II sec. a.C., rinvenuta nel sottosuolo in via Maturi, a Taranto, alla semiperiferia della citta’. la scoperta è avvenuta durante una indagine stratigrafica condotta nell’ambito dell’attivita’ di Archeologia Preventiva, a seguito di richiesta dell’Enel per il posizionamento di un tratto di rete interrata.

La scoperta e’ stata presentata nell’ex refettorio del sant’Antonio dalla Soprintendenza all’Archeologia, alle Belle arti e al Paesaggio di Brindisi, Lecce e Taranto, nel corso delle Giornate dell’Archeologia 2019. Ricchissimo il corredo funerario ritrovato e ora in fase di restauro presso il laboratorio della Soprintendenza, vasellame, coroplastica votiva, oggetti votivi e manufatti metallici. Il Comune di Taranto, attraverso l’assessore all’Urbanistica, Augusto Ressa, ha espresso soddisfazione per il nuovo rinvenimento e ha sottolineato lo “stretto rapporto” dell’amministrazione con la Soprintendenza “per la valorizzazione del patrimonio culturale della citta’ e la particolare attenzione rivolta alle antiche strutture ipogee diffuse in tutto l’abitato”. Taranto e’ stata una delle citta’ piu’ fiorenti della Magna Grecia ed e’ sede di Museo archeologico nazionale.

Clicca sul banner per leggere la rivista