fbpx

L’Area sacra di Largo Argentina aprirà nel 2021

da | 23 Feb 2019 | Arte e Cultura, Conservazione e Tutela

Roma Capitale e Bulgari hanno siglato un accordo che porterà a nuova vita l’area sacra di Largo Argentina. Il progetto prevede un finanziamento da parte dell’azienda che opera nel settore del lusso di 500.000 euro; questo importo si va a sommare ai fondi rimanenti del vecchio finanziamento per raggiungere la quota di 1 milione di euro circa.

«Grazie alla convenzione sottoscritta da Bulgari, Comune e Soprintendenza – ha dichiarato la sindaca di Roma Virginia Raggi, durante la conferenza stampa tenutasi proprio a Largo Argentina all’inizio di questa settimana – prende vita un gesto d’amore nei confronti di Roma […]. Aiuterà a restituire l’area sacra di Largo Argentina a tutti cittadini romani. Questa zona sarà accessibile tramite passerelle che consentiranno di attraversarla. I lavori dovrebbero finire nella seconda metà del 2021».

Il progetto svilupperà in primis la messa in sicurezza dell’area archeologica e la sua accessibilità: la passerella servirà, appunto, per percorrere l’area archeologica, si costruirà una nuova rampa di accesso con pedana elevatrice, nuova recinzione, nuovi percorsi con illuminazione a led per possibili visite notturne, musealizzazione dei reperti e vari altri servizi per i visitatori.

Nel 2014 Bulgari aveva già stipulato una convenzione con Roma Capitale per effettuare una serie di interventi di sicurezza, manutenzione e restauro sulla Scalinata di Trinità dei Monti. Costo complessivo 1,5 milioni di euro. La convenzione stabiliva inoltre che i fondi residuali, ben 485.593,58 euro, sarebbero stati impiegati per altri interventi sul patrimonio culturale. E così sarà.

«I visitatori – ha sottolineato Jean-Christophe Babin, amministratore delegato del gruppo Bulgari – potranno finalmente apprezzare da vicino reperti di grandissimo pregio situati in un’area in cui coesistono costruzioni rinascimentali e medievali. Un respiro culturale che solo una città come Roma è in grado di offrire al mondo».

Grazie a questo progetto si potrà ammirare da vicino la Curia di Pompeo, o almeno quello che ne rimane (un basamento di tufo), che è custodita all’interno dell’aria. È famosa perché, come ha riportato Cicerone, fu il luogo delle “Idi di marzo”, luogo in cui venne assassinato Gaio Giulio Cesare il 15 marzo del 44 avanti Cristo.

Clicca sul banner per leggere Territori della Cultura