fbpx

Il Polo del ‘900 di Torino all’incontro dei Musei Italiani

da | 31 Gen 2019 | Arte e Cultura

Venerdì 1° febbraio 2019 al Planetario delle Terme di Diocleziano (ore 17.00, Aula Ottagonale) parte il secondo ciclo di incontri bimestrali organizzati dalla Direzione generale Musei del Ministero per i beni e le attività culturali. Tra i presenti anche il Polo del ‘900 di Torino, centro culturale che integra nella stessa struttura una galleria, un archivio di 9 chilometri e 19 enti diversi: un unicum nazionale rivolto soprattutto alle giovani generazioni e ai nuovi cittadini. L’obiettivo è quello di lavorare in vista del sistema culturale nazionale, la rete che metterà i musei in sinergia secondo standard uniformi di qualità. È la prima volta che viene inviato un istituto non statale ma un centro di questa tipologia, senza dubbio di alta considerazione. Il Polo infatti è fra i pionieri nell’ambito degli studi di sviluppo dei pubblici nei musei in Italia, un punto di riferimento nella ricerca storica, sociale, economica e culturale del Novecento e nella salvaguardia dei valori della resistenza, della democrazia e delle libertà. Tre Direttori di diverse realtà museali (statali, regionali, locali o private) racconteranno e condivideranno la loro esperienza, lasciando in esposizione al Planetario opere rappresentative della propria collezione. Uno scopo ulteriore sarà quello di fornire l’occasione per promuovere al meglio l’immenso patrimonio artistico del nostro Paese e contribuire allo sviluppo della cultura, come previsto dall’art. 9 della Costituzione.

All’incontro saranno presenti: Alessandro Bollo direttore del Polo del ‘900 di Torino, James Bradburne, direttore della Pinacoteca di Brera di Milano (tra i principali musei dotati di autonomia speciale del Mibac) ed Edith Gabrielli direttrice del Polo museale del Lazio (stituto del Mibac che gestisce 46 luoghi della cultura, tra cui Castel Sant’Angelo, il Vittoriano e Palazzo Venezia). Introduce e coordina l’incontro Antonio Lampis, Direttore generale Musei.

Clicca sul banner per leggere la rivista